Carrello 0
Black, Bad and Beautiful (disponibile a ottobre)

Black, Bad and Beautiful (disponibile a ottobre)

€25.00

All’inizio degli anni ’70, nell’America che vede l’ascesa del movimento Black Panther per i diritti dei neri, un piccolo film indipendente e militante dal provocatorio titolo Sweet Sweetback’s Baadasssss Song, realizzato da un regista di colore per un’audience di colore, ottiene un grande successo al botteghino, indicando all’industria cinematografica mainstream una nuova fetta di pubblico, fino a quel momento non considerata, da cui trarre profitto: gli afroamericani. Gli studios hollywoodiani replicano infatti a stretto giro con Shaft il detective, realizzato da un regista di colore per un’audience di colore meno battagliera, alla ricerca di divertimento. Da questi prototipi nasce la “Blaxploitation”, un fenomeno che si snoda lungo tutto il decennio e nel quale si fa rientrare, per convenzione, tutta quella pletora di film oscillanti tra l’opera più o meno autoriale con tendenze rivoluzionarie, di produzione genuinamente black, e le realizzazioni di puro intrattenimento ad opera delle major alla ricerca di facili profitti e di un pubblico misto.

Macrogenere che include praticamente tutti i filoni del cinema commerciale (poliziesco e action in primis, ma anche horror, commedia, musical, film di motociclisti o di arti marziali…), il fenomeno Blaxploitation sforna centinaia di pellicole “virate al nero” per tutti i seventies.

di Daniele Magni e Silvio Giobbio
con la collaborazione di Manuel Cavenaghi

Introduzioni di Andrea Carlo Cappi, Stefano Di Marino  e Alessandro Stellino
Prefazione dei MANETTI BROS.

324 pagine + 56 PAGINE A COLORI ed. Bloodbuster, 2022


Condividi questo prodotto


Ti potrebbe interessare